Savoca il borgo dalle sette vite

È considerato uno dei borghi più belli d’Italia, Savoca, nella profumata Sicilia, dove i paesaggi cambiano ma fanno parte di un tutt’uno: collina, fiume, ruscello, roccia, bosco. Un posto ideale per trascorrere una vacanza all’insegna del relax, assaporando quel silenzio ormai scomparso (ma non a Savoca) respirando quell’aria purissima ormai introvabile e godendo della vista di un paesaggio meraviglioso destinato a restare nel cuore. Tutto è curato in questo borgo medievale, lampioni in ferro battutto perimetrano come una cornice d’autore il paesello che si dirama per poi ritrovarsi intorno al castello.

Savoca

Una vacanza a Savoca da al suo visitatore molto più di quello che lui si aspetta. In genere visitare i borghi antichi, seppur molto suggestivo ed interessante, è un’esperienza breve, spesso tappa di un soggiorno più lungo. Savoca, invece, ha tanto da offrire al suo visitatore.

Savoca

Per iniziare l’ambiente e paesaggio. Tantissimi punti panoramici dove immortalare immagini davvero suggestive: Pizzo di Cucco è senza dubbio quello meglio rappresentativo.

La Pineta di Savoca, che si estende per diversi ettari, è il luogo ideale per passeggiare nei tanti percorsi pedonali tra pioppi e querce con un sottobosco che regala colori e profumi. Il torrente che la attraversa è ricco di sorgive naturali.

Chi ama lo sport potrà scegliere tra le tante attività che offre il Centro Sportivo Polifunzionale con la sua Pista di atletica leggera; il campo da tennis e tanto altro ancora.

Oltre le attività fisiche da svolgere immersi nella natura più pura, a Savoca si può visitare il Museo Storico Etnoantropologico nel quale si può apprezzare la cultura popolare e la storia locale.

Savoca

Sempre per quel che concerne il tour storico- culturale a Savoca si possono visitare la Chiesa di San Michele risalente all’inizio del sec. XIV, la Chiesa di San Nicolò risalente all’inizio del sec. XIII., la Chiesa Madre. E ancora la Casa medioevale con finestra a Bifora, una costruzione del tardo medioevo oggi vincolata come bene architettonico, il Convento dei RR. PP. Cappuccini del XV secolo, la Catacombe dove riposano alcuni notabili di Savoca. La curiosità, a questo proposito, è il culto che a Savoca riservano per la morte. I corpi custoditi nella Catacombe sono stati mummificati con un procedimento che pare prendere spunto dagli antichi egizi.

Chi visita Savoca deve anche visitare il Castello “Pentefur”o, meglio, ciò che resta del Castello.

Come ogni borgo che si rispetti anche Savoca ha il suo prodotto del borgo. Ad esempio il pane cunzatu che è condito con olio di oliva, peperoncino e origano. Squisiti i piatti di pasticceria come le paste secche alla mandorla e i cannulicchi in cialda croccante farciti con cioccolata, crema pasticcera e crema al limone, dulcis in fundo, la granita siciliana al limone servita con la zuccarata, il biscotto locale.

ringraziamo per le immagini borghitalia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *