Isola d’Elba: le spiagge più belle

Quando si parla di Isola d’Elba, si intende una delle mete più amate e gettonate per l’estate. Viene considerata, a piena ragione, una delle mete più affascinanti in Italia, dato che si tratta di un luogo che ha un’aria molto simile a quella di un’isola esotica. Un angolo di paradiso che si trova tra il Mar Ligure e il Mar Tirreno, a circa 10 km dalle coste toscane e che ha rapito il cuore di moltissimi turisti. Fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ed è l’isola più grande dell’omonimo arcipelago (la popolazione locale giunge a triplicare durante i periodi di alta stagione). Qui si trova tutto quello che si desidera, dall’accoglienza degli isolani ai paesaggi splendidi, dalle lunghe spiagge al mare cristallino, dalle bellezze naturalistiche a quelle storiche e si trova persino la montagna, con una vetta di oltre 1000 metri.

Anche se la conformazione dell’isola è piuttosto varia e presenta anche rilievi montuosi (il Monte Capanno supera i 1000 metri e offre comunque una discreta attrattiva), il turismo vive soprattutto dell’universo legato alla balneazione. Da maggio a settembre, anche grazie al clima ventilato di cui gode l’isola, l’Elba viene visitata da migliaia di turisti che si trovano ad affollare le meravigliose spiagge presenti nei 147 km di costa. Dal punto di vista morfologico, il litorale è piuttosto vario: nella parte occidentale, si trovano spiagge di sabbia bianca granitica e scogli levigati (Marina di Campo, Cavoli, Fetovaia, Seccheto e Sant’Andrea) nella parte centrale, si incontrano spiagge di sabbia dorata (Procchio, La Biodola, Lacona e Lido di Capoliveri); ad ovest di Portoferraio, invece, le spiagge presentano ghiaia bianchissima, la quale dona al mare una eccezionale limpidezza (Le Ghiaie, Capo Bianco, Sansone); infine, ad oriente si trovano spiagge scure, caratterizzate da polvere e minerale di ferro (Terranera e Topinetti).

Storicamente parlando, l’Elba è nota anche per essere stata luogo di esilio di Napoleone Bonaparte.
Ma l’Elba (e sopratutto la sua storia) non è solo Napoleone Bonaparte ed è giusto rivendicare a questa terra i tremila anni di storia intensamente vissuta, mentre l’imperatore per quanto importante possa essere, di storia ne occupa soltanto dieci mesi (quelli del noto esilio). Malgrado ciò, quando si visita l’Elba non si può fare a meno di notare che l’immagine di Napoleone domina su tutto sopratutto a Portoferraio la capitale che lo ospitò nella Palazzina dei Mulini. Nonostante siano passati molti anni da quel remoto 1814 Napoleone è ancora lì reso eterno dallle migliaia di piccoli busti che lo ritraggono. E chi soggiorna qui difficilmente resiste alla tentazione di acquistarne uno.

Per quel che concerne i tremila anni di storia non si possono non citare gli Etruschi la cui presenza è testimoniata anche dal ritrovamento della stautetta di bronzo “Il Devoto” risalente (si presume) al VI secolo a.c.

Chi vuole fare una vacanza all’insegna del relax e del riposo può scegliere l’Elba come propria meta, senza rischiare di rimanere deluso. Qui si arriva con estrema facilità, dato che ci sono diversi collegamenti con traghetti che partono da Piombino e arrivano sull’isola (è possibile prenotare su www.traghetti-isoladelba.it), ma c’è anche la possibilità di arrivare sull’isola con l’aereo. Da notare, inoltre, che in zona si trovano anche strutture ricettive per tutti i gusti e per tutte le tasche che, quindi, fanno di questa zona una delle migliori in assoluto per una vacanza pensata su misura per le proprie esigenze.

Tuttavia, va da sé che il primo motivo che spinge un turista verso l’isola d’Elba è, senza dubbio, il mare. Qui si trova un mare a dir poco da favola e paradisiaco e ci sono così tante spiagge bellissime che trovare quella che si preferisce è un’impresa abbastanza ardua. Non va dimenticato, però, che oltre al mare limpido e cristallino all’Elba sono presenti tante zone verdi che rendono il soggiorno sull’isola piacevole anche per chi durante il periodo estivo non ama il caldo della spiaggia ma preferisce il fresco della “macchia”. Sono presenti, infatti, tanti boschi di castagni anche se la predominanza della vegetazione riguarda la macchia mediterranea. Per quanto riguarda la fauna tra le tante specie presenti sull’isola è certamente da apprezzare quella del raro gabbiano corso.

Ma vediamo di seguito quali sono le più belle spiagge elbane, visto che la balneazione è senz’altro un aspetto trainante del turismo sull’isola.

La prima cosa da sottolineare è che anche qui, come in molte zone della penisola, c’è una grandissima varietà di spiagge e, pertanto, tutti possono essere accontentati. Sia chi ama le lunge spiagge sabbiose che chi, invece, preferisce le spiagge di ciottoli, chi ama le calette e chi le distese di spiaggia dorata: tutti qui hanno ciò che desiderano.

Risulta essere molto difficile dire quali sono le spiagge più belle dell’isola d’Elba, anche se si può dire con estrema certezza quali sono le spiagge più famose e più amate dagli autoctoni e dagli innumerevoli turisti che ogni anno le affollano.

Partendo dalle sabbie prevalentemente sabbiose, quelle adatte proprio a tutta la famiglia, dove ci si può stendere al sole e rilassarsi in maniera totale, si devono nominare Biodola e Cavoli. Nello specifico, diciamo subito che la spiaggia di Cavoli si trova nella zona a sud dell’isola, in prossimità del comune di Marina di Campo. Si tratta di una spiaggia lunghissima, completamente sabbiosa, senza ciottoli o scogli e anche il mare è paradisiaco, pulitissimo e con un fondale molto basso e ciò rende suddetta spiaggia indicata soprattutto per chi viaggia con i bambini a seguito.

campoPhoto CC-BY-SA philiTizzani

La spiaggia di Biodola, invece, è molto simile a quella di Cavoli ma, in più, è anche conosciuta per la possibilità di fare immersioni e snorkeling.

Se, invece, si desidera una delle tante spiagge di ghiaia o a ciottoli, si deve andare nella zona adiacente al comune di Portoferraio. Le più belle in assoluto, quelle che non ci si deve perdere sono la spiaggia della Padulella, che è lunga circa 150 metri e si trova nei pressi di Capo Bianco. Anche la spiaggia di Sansone è un posto molto tranquillo, che si trova in zona, così come la spiagga definita dell’Enfola. Quest’ultima è situata nella parte nord dell’isola e la sua peculiarità è quella di sorgere su un istmo.

Anche le baie rocciose sono molto diffuse sull’isola in questione. Nello specifico, dobbiamo sottolineare che, così come ci sono immense distese sabbiose, ci sono anche tratti di costa molto selvaggi, che diventano la meta ideale di chi ama gli scogli ma vuole stare fuori da quella che è la confusione che si trova sulle spiagge, specialmente in prossimità delle tante spiagge attrezzate. Tra le più belle troviamo le spiagge di Chiessi, Capo Sant’Andrea e, ancor, Patresi che si trovano tutte nella zona di Marciana, altro comune dell’isola. Si tratta di zone che sono un po’ più difficili da raggiungere, ma di una bellezza tale da valere l’impresa al 100%.

Tra le spiagge più belle e note dell’isola, inoltre, si devono nominare anche quella di Secchetto, dove si trovano diversi stabilimenti tutti molto belli, quella di Fetovaia, che è una delle più frequentate di tutta l’isola e tutte le spiaggette vicine.

Come si può notare, l’Isola d’Elba è la soluzione ideale per tutti coloro che vogliono una vacanza all’insegna del sole, del relax, senza tralasciare il divertimento.

L’Isola d’Elba offre qualcosa di adatto a qualsiasi tipo di turista e, pertanto, rimane anche per questa estate che sta arrivando una delle mete più gettonate in assoluto. Organizzare la propria vacanza sull’isola è semplice e riserva delle immense soddisfazioni per tutto coloro i quali amano la natura e i paesaggi mozzafiato.

Soggiornare all’Isola d’Elba significa anche assaporare una cucina genuina e semplice fatta di erbe aromatiche e pesce fresco. Il caciucco, la sburrita, il polpo lesso, il riso al nero di seppia, i totani alla diavola, piatti a base di funghi (nell’isola se ne possono contare almeno 200 tipi diversi. Il tutto condito da oli eccellenti e da vini superbi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *