Il Cristo degli abissi a San Fruttuoso

Molta gente non sa, e non ha nemmeno mai sentito parlare di questi singolari luoghi. Molti di questi sono davvero incredibili, surreali…

Il Cristo degli abissi è uno di questi luoghi. Si tratta di una statua bronzea che, nel 1954, è stata posizionata a 15 metri di profondità nel fondale della baia di San Fruttuoso, tra le località di Camogli e Portofino. Siamo in terra ligure, nell’area naturale marina protetta di Portofino.

Raccontiamo la storia di questa statua. L’idea è nata a Duilio Marcante che, nel 1950, volle porre una statua di Cristo nel fondale marino che fu luogo di morte, durante un’immersione, di Dario Gonzatti. Quattro anni dopo la statua venne spostata nella suggestiva baia di San Fruttuoso proprio di fronte all’Abbazia di San Fruttuoso.

Due metri e mezzo di spiritualità che, sotto le acque, assume un aspetto ancora più irreale.

Per vederla da vicino l’immersione è certamente il modo migliore. Il litorale ligure organizza escursioni subaquee guidate proprio per ammirare la statua.

San Fruttuoso-abbazia

Ma non tutti amano il sub, per loro è possibile ammirare una copia della statua nella chiesa di San Fruttuoso. In giro per il mondo ci sono altre copie del Cristo degli Abissi ma l’originale è qua in questo pezzo di paradiso ligure.

Un paradiso del quale il Cristo degli Abissi è certo il protagonista ma che si compone di altri tesori. Uno è l’abbazia di San Fruttuoso di Capodimonte, un luogo che si può raggiungere solo via mare o attraversando un sentieri che scende dal monte di Portofino regalando una vista spettacolare.

San Fruttuoso di Camogli-giardino Abbazia

Altro tesoro è il Borgo di San Fruttuoso. Un luogo che ha una storia da raccontare. Un luogo che è stato rifugio di pirati, luogo di preghiera, dimora di Principi ed umile abitazione di eroiche popolane. Un luogo incastonato tra il Parco terrestre e l’Area Marina capace di rigenerare corpo e spirito. Chi sceglie di trascorrere una vacanza in questo luogo potrà visitare i luoghi vicini come Camogli e Porfofino e aggiungere così bellezza alla bellezza.

San Fruttuoso di Camogli-Torre Doria-

Come arrivare a San Fruttuoso?

Arrivare a San Fruttuoso rappresenta già di per sè una parte della vacanza, un modo per godere di viste mozzafiato attraversando sentieri panoramici.

Si può, ad esempio, optare per l’arrivo da Portofino mare. Un percorso che dura circa 1 ora e mezza di poca difficoltà. Si può arrivare a S. Margherita Ligure in treno, proseguire fino a Portofino con l’autobus o con un battello. ANche in auto si può facilmente raggiungere Portofino sia in autostrada (uscita casello rapallo A12) che con la Via Aureali e da Rapallo con la SS percorrendo la panoramica che attaveesa S. Michele di Pagana, S. Margherita Ligure..

San Fruttuoso di Camogli

Da Portofino si percorre il porticciolo, la strada pedonale e poi si continua in salita sino ad arrivare alla cappella di S. Sebastiano. Si prosegue sino alla Cse del Prato e si sale sino alle Pietre Strette. Da li inizia la discesa che porta a San Fruttuoso.

Altrimenti si può partire da Punta Chiappa, raggiungibile via mare, si attraversa il borgo, si sale la scalinata che arriva al monte di Portofino fino a giungere in località S. Nicolò di Capodimonte, da li si prende il sentiero che porta a San Fruttuoso. Questo percorso dura circa un’ora e un quarto.

Oppure si può partire da Camogli (raggiungibile in treno in auto e in battello), passare per Ruta e Portofino Vetta e, in due ore e mezza circa, arrivare all’insenatura di San Fruttuoso.

Sempre partendo da Camogli si può passare per San Rocco e San Nicolò di Capodimonte.

Chi non ha voglia di camminare può arrivare direttamente in battello partendo da
Camogli, Portofino, Santa Margherita, Rapallo, Sestri Levante, Lavagna, Chiavari o dal porto di Genova.

One thought on “Il Cristo degli abissi a San Fruttuoso

  1. Bellissimo San Fruttoso l’ho visitato 45 anni fa, purtroppo non ho avuto la possibilità di ritornarci, mi sembra che in mare ci fosse una zona con acqua dolce c’è chi me lo può confermare o smentire? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *