Gargano in bici

Per gli appassionati delle escursioni in bicicletta, il Gargano è la meta ideale, perché i sentieri del Parco Nazionale, le vallate del promontorio, i boschi, sono i luoghi perfetti per inforcare la bici e pedalare. Di itinerari ce ne sono davvero tanti e tante sono anche le agenzie che organizzano delle vere e proprie escursioni di gruppo in sella alle proprie biciclette, che si possono affittare anche in loco.

Si cercherà, pertanto, di tracciare un itinerario virtuale da fare in bici nel Gargano. Si deve iniziare con il sottolineare che, durante il tragitto, si scopriranno percorsi molto diversi tra loro e si scorgeranno paesaggi di una bellezza mozzafiato. Inoltre, si alterneranno salite e discese e questo permetterà di allenarsi al meglio, oltra a gustarsi il territorio. Durante il tragitto capiterà di pedalare costeggiando le spiagge del Gargano, ma anche le coste rocciose, di passare attraverso oliveti ma anche attraverso la foresta umbra: insomma, si potrà godere di un paesaggio eterogeneo e di salite e discese, in modo da avere un itinerario completo. Durante le varie tappe di questo tour del Gargano in bicicletta sarà molto bello scendere e visitare i centri in cui si fa tappa, assaggiare la cucina locale, con tutti i piatti della tradizione, alloggiare nei vari agriturismi che si trovano in zona e che ricordano molto i tempi che furono. Le mete imperdibili sono, sicuramente, la città di Vieste, Monte Sant’Angelo con il suo famosissimo santuario, la foresta umbra. Per tutti coloro che, trovandosi in loco, vorranno allungare leggermente l’itinerario facendo delle piccole deviazioni, consigliamo anche una puntata a Peschici e a Troia, città nota per il vino e per la cattedrale.

Una prima tappa del tour in bici, potrebbe idealmente partire da San Severo e potrebbe passare attraverso tutti i comuni che la collegano a Ischitella. Questa tappa potrebbe essere ideale per chi vuole partire in maniera dolce, facendo un tratto pianeggiante, prima di affrontare tappe più faticose e meno semplici da affrontare. In questa tappa c’è la possibilità di visitare Rodi Garganico, che si trova sulla costa, poco dopo Ischitella. Siamo nel cuore del Parco Nazionale del Gargano e c’è da sottolineare che Rodi Garganico è stata insignita diverse volte della Bandiera Blu per il suo mare cristallino nel quale si deve necessariamente fare un tuffo per ritemprarsi dalle fatiche della prima tappa. Rodi potrebbe anche essere un ottimo posto in cui fermarsi a mangiare del pesce fresco e delle specialità del territorio. Tante sono le strutture ricettive nelle quali riposare dopo una tappa non impegnativa dal punto di vista del territorio, che è quasi sempre pianeggiante, ma per il chilometraggio, dato che da San Severo a Ischitella sono quasi 70 km.

Rodi_GarganicoFoto Pubblico dominio

Una seconda tappa potrebbe essere quella all’interno della foresta Umbra: qui si potranno scoprire le bellezze di Vico Garganico e di Vieste, che potrebbe essere la meta ideale per la seconda sosta del viaggio. Tutta la salita verso la foresta umbra è di sicuro più impegnativa della prima tappa che abbiamo proposto, ma vale la pena fare uno sforzo per assaporare le bellezze che ci regala la natura in questo angolo di Puglia, che è un vero e proprio angolo di Paradiso. Vieste è la meta ideale perché è una vera e propria chicca. Proprio per questo è nota anche come perla del Gargano ed è un vero peccato non visitarla. Inoltre, anche qui, come a Rodi Garganico, si può fare un tuffo in acque più volte premiate con la Bandiera Blu. Si tratta di una cittadina che durante il periodo estivo esplode sia dal punto di vista delle presenze che da quello della vita e della movida notturna. Dopo una tappa più impegnativa come quella della foresta umbra, potrebbe essere il luogo ideale per togliersi da dosso la fatica, andandosi a divertire e godendosi una vista mozzafiato.

Per chi preferisce, invece, un percorso più vario, fatto di saliscendi e pendenze più impegnative rispetto a quelle proposte, consigliamo di prendere la strada che da Vieste arriva a Mattinata, altra perla del Gargano tutta da scoprire. Per arrivarci, si consiglia di passare per Testa del Gargano, Pugnochiuso, Coppa S. Tecla, che è il punto più alto in assoluto. In questo percorso che porta a Mattinata capiterà di pedalare lungo la costa, a strapiombo sul mare e non c’è nulla di più bello per chi ama questo genere di escursioni. Dato che questa tappa potrebbe essere molto faticosa e anche poco agevole da affrontare, si consiglia vivamente una sosta abbastanza lunga a Mattinata, cittadina della provincia di Foggia nota anch’essa per le splendide acque. Anche Mattinata si trova nel Parco del Gargano e già da qui si possono iniziare a gustare le bellezze del Golfo di Manfredonia. Il tratto di mare tra Vieste e Mattinata è uno dei più suggestivi di questa parte di Puglia, caratterizzato da grotte e faraglioni, che rendono il tutto assolutamente unico.

Da Mattinata, poi, si può proseguire verso Monte Sant’Angelo, città nota per il Santuario e per essere la sede del Parco Nazionale del Gargano. Qui si incontra un territorio abbastanza pianeggiante, ricco di pascoli e di uliveti. Sono solo 19 km, che si possono affrontare molto tranquillamente, prima di arrivare a Monte Sant’Angelo. Qui è doveroso fare una sosta, dato che, oltre al Santuario, c’è davvero tanto da vedere.

Facendo questo itinerario proposto, ma anche scegliendone degli altri studiati appositamente per le proprie esigenze, si scoprono quelle che sono le bellezze del Gargano e questa terra merita di essere visitata in lungo e in largo, perché riserva non poche meraviglie. Fermarsi nei borghi citati è un’occasione in più per venire a contatto non solo con il paesaggio e la natura, ma anche con le tradizioni del posto, andando alla scoperta del cibo tipico, dei luoghi in cui divertirsi e quant’altro. Del resto, un viaggio, che sia in bici, in macchina o con qualsiasi altro mezzo, deve servire proprio a questo, a conoscere il posto in cui si arriva, approfondendo quelle che sono le tradizioni e scoprendone le bellezze.

E per chi fosse alla ricerca di un hotel si consiglia l’Orchidea Blu (www.orchideavillage.it) a poca distanza dalle principali mete del Gargano, quali appunto Vieste, Peschici e Rodi garganico.

 

One thought on “Gargano in bici

  1. VOGLIAMO FARE IL GIRO DEL GARGANO IN BICI 5/6 GIORNI CON UN PUNTO DI PARTENZA E ARRIVO DOVE POSSO LASCIARE L’AUTO
    SE POSSIBILE AVERE QUALCHE CONSIGLIO GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *