Cosa vedere nella Piana di Sibari: Sibari e Cassano allo Ionio

Adagiata sulla costa ionica della Calabria, Sibari è un affascinante località turistica situata in una delle poche zone pianeggianti della regione. Dal passato glorioso e presente balneare, Sibari e la sua Marina si candidano ad essere un’interessante meta per chi vuol trascorrere una vacanza tra divertimento, mare ed arte. Sono infatti queste tre le componenti dell’offerta turistica del centro calabrese: le acque che bagnano la costa della Marina di Sibari sono limpide e cristalline e la spiaggia è lunga, sabbiosa e ben attrezzata.

Dolcemente digradante, l’arenile è perfetto per i bambini che possono giocare in tutta sicurezza: questo è uno dei motivi che rende Sibari particolarmente appetibile per le famiglie. Non lontano dalla spiaggia cittadina si trova l’attrezzato porticciolo turistico da dove partono imbarcazioni che accompagnano i turisti al largo per ammirare tutta la bellezza di questa parte di costa della Calabria.

Come detto, tra le altre attrazioni di Sibari c’è l’arte: la città calabrese era tra le importanti della Magna Grecia ed i resti del passato sono tuttora visibili nel sito archeologico più grande d’Italia – quello di Sybaris – e nel museo archeologico dove sono custodite opere che ricordano la presenza greca e romana sul territorio.

Durante una vacanza a Sibari è d’obbligo trascorrere una giornata alle Terme Sibarite – che si trovano nella vicina città di Cassano allo Jonio – ed al parco avventura: tra ponti tibetani e cinesi, volo di cicogna e pendoli di tarzan, grandi e piccoli si divertiranno un mondo all’aria aperta. Per gli amanti della natura, non lontano da Sibari, nell’entroterra calabrese e lucano c’è il Parco Nazionale del Pollino, un immenso polmone verde tutto da scoprire. L’offerta turistica di Sibari si completa di numerose strutture ricettive: alberghi, villaggi turistici, case vacanze e residence consentono ai turisti di scegliere la soluzione che più si adatta alle proprie esigenze.

Cassano allo Ionio è invece una città di medie dimensioni, conosciuta come una località costiera nella regione Calabria nel sud Italia, presso l’antica città di Sibari.

Negli ultimi anni, Cassano allo Ionio ha attirato l’attenzione di storici e studiosi. La città ha un piano urbanistico che è attraversato da strade che si intersecano ad angolo retto e si diramano in vicoli stretti, chiusi da mura antiche di cui praticamente non rimane nulla.

All’interno della città stessa ci sono molti luoghi di culto, tra i quali la Cattedrale (risalente al XII secolo nel suo primo progetto) e numerosi palazzi nobiliari, mentre al di fuori delle mura della città vi è un santuario dedicato alla Madonna della Catena, caratterizzato da un imponente portico rinascimentale, che circonda la chiesa su tre lati. Esso è stato costruito sopra un edificio già esistente del X-XI secolo.

Le rovine del Castello risalgono al Medioevo, infatti è stato probabilmente costruito durante la dominazione longobarda. Sotto il dominio di Ottone I, Ottone II (955-983) e, successivamente, di Federico II di Svevia (1194-1250), il Castello fu abbellito e Carlo d’Angiò (1226-1285) ordinò anche nuovi lavori di riparazione nel 1268. Nel 1598 passò ai Principi di Sanseverino e poi al duca Serra di Cassano che iniziò i nuovi lavori di restauro nel 1678.

La Cattedrale di Cassano alla Ionio, dedicata alla Madonna, si trova in Piazza Sant’Eusebio. La facciata è in stile barocco ed è suddivisa in due livelli con decorazioni in pietra e stucco. Nella navata, a sinistra c’è l’altare della Madonna del Lauro, dove c’è un’antica immagine dipinta su pietra risalente al XIV secolo.

L’altare maggiore è costituito da preziosi marmi policromi, con un coperchio d’argento con la figura simbolica di Pelican sormontata da una croce e da alcuni candelieri in bronzo dorato; l’altare è poi completato da una grande decorazione marmorea di Agostino Fortunato (XVIII secolo). Di fronte, c’è il trono episcopale costituito da marmi colorati. Il pavimento è fatto anche di lastre di marmo. Anche nella cattedrale, c’è un dipinto raffigurante “L’abbraccio di San Francesco d’Assisi e San Domenico”.

La parte più interessante della cattedrale è forse la cripta, che risale al periodo normanno: essa si trova sotto la cattedrale ed è il più antico luogo di culto della città. Al suo interno, ci sono un crocifisso ligneo del XVI secolo e degli affreschi del XV secolo raffiguranti Santa Lucia e San Biagio.

Un noto punto di riferimento a Cassano allo Ionio è la Fontana dei Leoni, nella piazza dedicata a Sant’Eusebio da Cassano, di fronte alla Cattedrale.

Tra i palazzi del centro storico, in Piazza Sant’Eusebio si distingue il Palazzo Vescovile in stile tardo- rinascimentale.

Fuori dalla città, si trova il Santuario di Santa Maria della Catena, risalente al XVII secolo, in una zona impervia e tranquilla. Il portico e la cupola sono in stile rinascimentale: l’architettura esterna è costituita da un portico con cinque archi a tutto sesto sulla facciata principale. All’interno, si possono ammirare l’altare maggiore barocco, delle sculture in legno dorato e quattro dipinti del pittore napoletano Nicola Malinconico (1663-1721).

Le acque di Cassano allo Ionio sono ben note a tutti e provengono da cinque fonti che scorrono fianco a fianco per circa 500 metri. Queste possedevano delle particolari caratteristiche fin dall’antichità: le acque sulfuree sono utilizzate per il trattamento delle malattie respiratorie, dei problemi ginecologici, reumatici e dermatologici. Le terme di Cassano allo Ionio sono strutture moderne dotate di tutti i comfort quali fangoterapia e sala massaggi e un auditorium a cielo aperto.

Nessuna visita sarebbe completa senza vedere gli scavi archeologici dell’antica Sibari. I tesori, ovvero i rilievi in terracotta e in metallo provenienti da Sibari e da Francavilla Marittima, sono conservati ed esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Cassano allo Ionio.

Sibari scavi

Foto CC-BY-SA 2.0 di Peter Stewart

Sono da visitare nelle immediate vicinanze della città anche le grotte di Sant Angelo, che si trova nei pressi del Monte San Marco dominando il paese. Queste grotte sono state oggetto di importanti studi per ricostruire la preistoria della Calabria.

Altre ricchezze naturali nelle vicinanze includono i laghi di Sibari e, naturalmente, la spiaggia. Cassano allo Ionio è un famoso e importante centro turistico, con zone di balneazione lungo la costa dotate di chioschi, bar e caffè che si affacciano sulla fitta pineta.

INFO UTILI

Per un villaggio turistico a Cassano allo Ionio: www.minervaclubresort.it

Scavi di Sibari: qui il sito della Soprintendenza Archeologica della Calabria

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *