Chiesa di Sant’Anna dei Palafrenieri

Oltre a un’occasione per un meritato riposo, le vacanze natalizie sono anche abbastanza lunghe da dare la possibilità di organizzare un viaggio. Mentre molti amano andare all’estero, anche solo nelle vicine capitale europee, non sono pochi quelli che prenotano uno dei voli low cost Italia a disposizione su Skyscanner per l’aeroporto Fiumicino e passano la settimana nella capitale.

I tesori di Roma sono infiniti, solo per esplorare quelli più famosi del centro ci vorrebbero settimane, e per il Vaticano giorni interi, a cominciare dalla Basilica principale di San Pietro fino ad arrivare alle costruzioni meno famose ma ugualmente degne di nota, come la chiesa di Sant’Anna dei Palafrenieri, situata vicino a Porta Angelica, uno dei principali varchi d’ingresso allo Stato del Vaticano, precisamente tra via di Porta Angelica e via di Sant’Anna.

La Chiesa, progettata da Jacopo Barozzi da Vignola, è la prima chiesa ellittica di Roma. Finita solo nel Settecento con la costruzione della cupola e degli affreschi interni, annovera tra le sue opere più preziose la tela sull’altare maggiore di Arturo Viligiardi, Sant’Anna e la Madonna bambina del 1927.

Si deve l’edificazione di tale opera alla Confraternita dei Palafrenieri, molto devoti a Sant’Anna. La costruzione, iniziata ufficialmente nel 1565, ha visto un rallentamento dovuto alle difficoltà della Confraternita, ragion per cui, alla data della sua inaugurazione nel 1583 la copertura era ancora provvisoria. La facciata fu completata tra il 1700 e il 1721, mentre la cupola fu ultimata nel 1763.

La chiesa è una penitenziera, adibita all’esercizio della confessione. È infatti progettata e costruita in modo che sia i fedeli sia, e soprattutto, i confessori che devono stare nei box per lunghe ore, trovino un ambiente confortevole. Il penitente troverà un angolo accogliente nello spazio d’attesa e poi avrà la possibilità di scegliere le modalità della confessione, o nell’inginocchiatoio dietro la grata o sul sedile per un colloquio diretto con il prete.

Aspetto fondamentale della chiesa è che evidenzia l’importanza del sacramento preparando i fedeli a riceverlo. Sono presenti testi per la meditazione per prima e dopo la confessione, e simboli, luci e colori capaci di conferire un senso di appartenenza e di riconciliazione con se stessi e con Dio.

Foto CC-BY-SA di Geobia

One thought on “Chiesa di Sant’Anna dei Palafrenieri

  1. Grazie per le belle spiegazioni e grazie a coloro che al mattino ci recitano quelle meravigliose preghiere che stimolano i nostri cuori ad affrontare il giorno con più serenità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *